Home >> Le Guide dei Ristoranti & C. >> L'Espresso 2021

» L'Espresso - I Punteggi


» I Ristoranti d'Italia 2021
» I Vini d'Italia 2020

L'Espresso 2021



I Ristoranti d'Italia 2021 (31 Maggio 2021)
Per  leggere l'elenco dei ristoranti che hanno ottenuto i Cappelli
clicca su: (
http://www.giovannigandinithebestrestaurants.com/canale.asp?id=2532
)


In Preparazione

Ecco i nuovi classici: grandi ristoranti fuori classifica che conquistano il
CAPPELLI D'ORO (12)


Enoteca Pinchiorri (Riccardo Monco) (www.enotecapinchiorri.com)
TOSCANA (Firenze - FI)

Dal Pescatore
(Nadia e Giovanni Santini) (www.dalpescatore.com)
LOMBARDIA (Canneto sull'Oglio - MN)


Don Alfonso 1890 (Alfonso ed Ernesto Iaccarino) (www.donalfonso.com)
CAMPANIA (Massa Lubrense - NA)


Casa Vissani (Gianfranco Vissani e Mori Shinichi) (www.casavissani.it)
UMBRIA (Baschi - TR)


Miramonti L'Altro (Philippe Léveillé) (www.miramontilaltro.it)
LOMBARDIA (Concesio - BS) 

Da Caino (Valeria Piccini) (www.dacaino.it)
TOSCANA (Montemerano - GR) 


San Domenico (Valentino Marcattilli) (www.sandomenico.it)
EMILIA ROMAGNA (Imola - BO)


Lorenzo (Lorenzo Viani) (www.ristorantelorenzo.com)
TOSCANA (Forte dei Marmi - LU)

Colline Ciociare (Salvatore Tassa) (www.salvatoretassa.it)
LAZIO (Acuto - FR)


Romano (Romano Franceschini) (www.romanoristorante.it
TOSCANA (Viareggio - LU)


La Pergola dell'H. Rome Cavalieri (Heinz Beck) (www.romecavalieri.it)
LAZIO (Roma - RM)

Da Vittorio (Enrico e Roberto Cerea) (www.davittorio.com)
LOMBARDIA (Brusaporto - BG)

cappelli-espresso-ristoranti

CINQUE CAPPELLI (10)

Reale (Niko Romito)  (www.ristorantereale.it)
ABRUZZO (Castel di Sangro - AQ)

Osteria Francescana
(Massimo Bottura) (www.osteriafrancescana.it)
EMILIA ROMAGNA (Modena - MO)


Le Calandre (Massimiliano Alajmo) (www.alajmo.it)
VENETO (Rubano - PD)

Piazza Duomo
(Enrico Crippa) (www.piazzaduomoalba.it)
PIEMONTE (Alba - CN)

Uliassi (Mauro Uliassi) (www.uliassi.it)
MARCHE (Senigallia - AN)

St.Hubertus dell'H.Rosa Alpina
 (Norbert Niederkofler) (www.rosalpina.it)
ALTO ADIGE (Badia/Abtei - BZ)

Lido 84 (Riccardo Camanini) (www.ristorantelido84.com)
LOMBARDIA (Gardone Riviera - BS)

Seta del Mandarin Oriental Milano (Antonio Guida(www.mandarinoriental.it)
LOMBARDIA (Milano - MI)

Madonnina del Pescatore (Moreno Cedroni) (www.morenocedroni.it)
MARCHE (Senigallia - AN)


Villa Feltrinelli (Stefano Baiocco) (www.villafeltrinelli.com)
LOMBARDIA (Gargnano - BS)







Guida_Espresso_1979.JPG

La 1° Edizione della Guida d'Italia de L'Espresso

Immagine correlata

Federico Umberto d’Amato

     “…in altri paesi… si afferma una ‘nuova cucina’ adatta ai nostri tempi e alla nostra civiltà. Noi, che si chiami cucina nuova, o più semplicemente diversa o buona, vogliamo batterci per l’invenzione, la purezza, la freschezza, la leggerezza, l’igiene… contro le salse pesanti e indigeste, le presentazioni ingannatrici, i cibi precotti e stracotti, la routine livellante, la mancanza di fantasia… “, così nel dicembre del 1978 Federico Umberto d’Amato - che con Carlo Caracciolo, Lio Rubini e Giorgio Lindo ne ha messo a punto il progetto - presenta la prima edizione della Guida d’Italia.
     Alla fine degli anni ’70, quando la Guida nasce, la critica gastronomica in Italia è pressoché inesistente, vive quasi esclusivamente delle illuminazioni e delle provocazioni di Luigi Veronelli. La Michelin italiana esiste da oltre vent’anni ma è “muta”, parla e ancora per oltre trent’anni parlerà soltanto attraverso i simboli. La comparsa di questa nostra Guida, la prima di respiro nazionale con testi che raccontano i locali oltre a esprimere giudizi e voti, segna una svolta. La formula è nuova, Federico Umberto d’Amato l’ha mutuata dall’innovativa Gault & Millau francese. E la pubblicazione arriva nel momento opportuno, coincide con l’avvio della nuova era che vedrà la radicale trasformazione della cucina italiana e dei ristoranti che la esprimono in una realtà ricca e complessa che oggi non ha pari al mondo per ricchezza, varietà e qualità.
     La Guida che viene presentata alla fine del 1978 fotografa questi momenti: irrompe sulla scena gastronomica Gualtiero Marchesi che importa e traduce in italiano la rivoluzione della “nouvelle cuisine” francese, e per la prima volta a un grande cuoco italiano viene riconosciuta un’indiscussa statura internazionale. Al vertice della Guida, accanto a Marchesi, figurano il nuovo e coraggioso San Domenico creato da Gianluigi Morini e Valentino Marcattilii, la Locanda dell’Angelo di Angelo Paracucchi e i due soli veri ”grandi” dell’epoca pre-Marchesi, Cantarelli di Samboseto e Guido di Costigliole.
     Un gradino sotto, un’eterogenea compagnia che già allora annovera Vittorio dei Cerea a Bergamo, i due Toulà di Alfredo Beltrame a Cortina e a Treviso, i 12 Apostoli di Verona, il Charleston di Palermo, l’Harry’s Bar di Venezia, il Sole di Franco Colombani a Maleo. E’ iniziata l’”era Marchesi”, il cui ristorante (prima a Milano, poi a Erbusco) per una quindicina d’anni presidierà i vertici della Guida, dove presto si aggiungono - e sono del tutto “nuovi”, senza storia - l’Antica Osteria del Ponte di Ezio e Renata Santin e l’Enoteca di Giorgio Pinchiorri e Annie Féolde.
     Da: (https://www.repubblica.it/dossier/sapori/guide-espresso/2018/09/17/news/i_primi_40_anni_della_guida_ristoranti-206656519)



Risultati immagini per ristorante Cantarelli (Busseto - PR)
Cantarelli (Busseto - PR)

TOP 42 Restaurants 1979

TRE CAPPELLI

17/ventesimi

Cantarelli (Busseto - PR)
Da Guido (Costigliole - AT)
Gualtiero Marchesi (Milano - MI)
Locanda dell'Angelo (Ameglia - SP)
San Domenico (Imola - BO)

DUE CAPPELLI

16/ventesimi

Castello di Cozzo (Cozzo Lomellina - PV)
Charleston (Palermo - PA)
Da Alfredo - El Toulà (Treviso - TV)
Da Beppe (Cioccaro di Penango - AT)
Da Vittorio (Bergamo - BG)
12 Apostoli (Verona - VR)
El Toulà (Cortina d'Ampezzo - BL)
La Favorita O'Parrucchiano (Sorrento - NA)
Harry's Bar (Venezia - VE)
Rachele (Cortina d'Ampezzo - BL)
Il Sole (Maleo - MI)

15/ventesimi

Al Fogher (Roma)
Antica Osteria del Ponte (Cassineta di Lugagnano - MI)
Antico Martini (Venezia - VE)
Buzzino (Pisa - PI)
La Caravella (Venezia - VE)
Checco (Rieti - RI)
Da Luigi Lombardi (Boscomarengo - AL)
Da Secondo (Macerata - MC)
Da Tommaso (Palese - BA)
Dell'H.Gritti (Venezia - VE)
El Toulà (Milano - MI)
Filippino (Lipari - ME)
G.B. (Roma - RM)
Gigiolè (Brisighella - RA)
Gran San Bernardo (Milano - MI)
Ippocampo II (Roma - RM)
Locanda alla Posta (Pieve di Soligo - TV)
Il Molino (Spello - PG)
Papà Giovanni (Roma - RM)
Pesce d'Oro (Sanremo - IM)
Pizzomunno (Vieste - FG)
La Scaletta (Milano - MI)
La Sosta (Brescia - BS)
Taverna Giulia (Roma - RM)
Villa Cipriani (Asolo - TV)
Villa Monforts (Castigliome - TO)





Buon compleanno Guida Espresso: 40 anni di Ristoranti d'Italia