Home >> ............ >> LE GUIDE VINI >> Vinous (Antonio Galloni)

» Vinous - I Punteggi


» Wines TOP (98-100 Points)

Vinous (Antonio Galloni)


vinous
(www.vinous.com)



Antonio Galloni



piedmontreport1a.jpg


    Nel 2004 Antonio Galloni aveva fondato Piedmont Report, una pubblicazione trimestrale dedicata alla regione del Piemonte. Entrato nel 2006 nello staff di Robert Parker di "The Wine Advocate" all'inizio come recensore del vino italiano, nel gennaio 2011 si vedrà affidare da Parker anche le zone della California, Champagne, Chablis e la Cote d'Or.
     Nel febbraio 2013 Antonio Galloni lascia il gruppo di Parker e lancia il nuovo sito Vinous, dal 20 maggio 2013 on-line (
www.vinousmedia.com), con l'obbiettivo "di creare una delle comunità del vino più vivaci al mondo riunendo recensioni professionali, la voce degli esperti del settore, contenuti multimediali e, soprattutto, le opinioni dei nostri elettori". 
     Nel Novembre 2014 Vinous (www.vinous.com)  di Antonio Galloni acquisisce da Stephen Tanzer la nota pubblicazione International Wine Cellar (IWC) ampliando il team di critici: Antonio Galloni (Bordeaux, Napa Valley, Italia, Champagne, Sonoma, Santa Barbara, Santa Cruz Mountains e Borgogna), Steve Tanzer (Borgogna, Chablis, Washington, Argentina, Sud Africa, Nuova Zelanda, Porto, Tokaj e Napa Valley), Josh Raynolds (Spagna, Rhône, Linguadoca, Rossiglione, Provenza, Oregon, in Australia, Paso Robles, Santa Lucia Highlands e Cile), Ian D'Agata (Centro e Sud Italia, l'Alsazia, Canada), Joel Payne (Germania, Austria, Loira).

IWClogo.jpg

    

Vinous Antonio Galloni

"Dieci vini che hanno cambiato la mia vita"
BY ANTONIO GALLONI | 25 maggio 2018

     “Non v'è alcun bilancio,” fu la risposta da 67 Pall Mall quando la gestione del club privato di Londra mi ha chiesto di scegliere vini per un recente master class. Nel corso degli anni ho portato molti degustazioni, ma questo seminario era particolarmente memorabile. La maggior parte degli eventi sono organizzati intorno a temi di una vendemmia o di un produttore, ma per questo masterclass abbiamo optato per un concetto totalmente nuovo suggerito da Vinoso co-fondatore James Forsyth: dieci vini che hanno avuto un significato personale nel plasmare la mia vita nel vino.
Situato nel tony quartiere St. James di Londra, 67 Pall Mall è un'oasi per gli amanti del vino che affollano questo relativamente nuovo ma già ben consolidata club privato per la sua straordinaria selezione di vini (decine dei quali sono disponibili al bicchiere) e gli eventi. Il nostro Cappellano verticale, che si tiene la sera prima, è stato un enorme successo. E 'stato un vero privilegio di condividere queste bottiglie straordinarie con i membri del club per diverse ore prima serata piacevoli e molto piacevole.


La tavola è apparecchiata ….

     Quando ero bambino, mio ​​padre mi ha detto: “Ci sono due grandi vini del mondo -. Barolo e Champagne” Piccola avrei potuto immaginare quanto sia potente quelle parole sarebbero rivelarsi. In realtà, però, ho avuto la fortuna di crescere con il vino dalla più tenera età. Mio nonno siciliano bevuto un bicchiere di vino bianco sfuso con mezzo pesca in esso ad ogni pasto. Da lui ho imparato che, nella sua essenza, il vino è una parte della vita di tutti i giorni e di una parte essenziale del tavolo, al contrario di un oggetto da collezione. Anche adesso mi ricordo che, per la sua generazione, il vino era prima di tutto un alimento - consumato per lo più per il suo contenuto calorico - che la bevanda del piacere che è oggi. 
Mio nonno americano aveva il vantaggio di un'istruzione e goduto di una carriera aziendale di successo che gli ha permesso di degustare più vini 'importanti'. Ha parlato con reverenza di La Tâche come una bellezza irraggiungibile riservato solo per pochi privilegiati che potevano permetterselo. Con lui ho assaggiato il mio primo Côte-Rôties e Borgogna (Trapet Chambertin). Inutile dire che questo è stato ben prima che questi vini sono stati considerati rari o particolarmente prestigioso in alcun modo.

I miei genitori, Giuseppe e Nanette Galloni 

     Più tardi, quando ero un adolescente, i miei genitori hanno aperto un alimento e vino negozio di specialità a Sarasota, FL. Oggi, l'olio extravergine di oliva, aceto balsamico e formaggi importati (tra molti prodotti) si trovano facilmente in tutti gli Stati Uniti. Quello era certo il caso di trent'anni fa. La sezione di vino era costituito da vini prevalentemente italiani, anche se i miei genitori venduti anche una notevole quantità di futures Bordeaux. Ho naturalmente gravitato al corridoio vino. Sono stato attratto da etichette e volevo capire che cosa significava ogni parola. I vini di Bordeaux e Borgogna sono stati i soggetti delle mie progetti di ricerca in classe liceo francese. Percependo un crescente interesse, i miei genitori mi hanno dato molti libri da leggere. Quando siamo andati a cena fuori, mi è stato consegnato la lista dei vini e incaricato di ordinare una bottiglia per i miei genitori di godere (OK, ho potuto avere un assaggio, ma era solo per la ricerca ... promessa). Non riesco a pensare a una migliore istruzione. I miei genitori mi hanno voluto gestire l'azienda di famiglia, ma ero un adolescente ribelle più interessati a ragazze e chitarre, quindi in ultima analisi, mi sono trasferito a Boston e hanno partecipato al Berklee College of Music. Naturalmente, è abbastanza ironico che il mio percorso di carriera alla fine mi ha portato a destra di nuovo al vino!

Subito dopo il mio ultimo anno al Berklee, con il mio pregiato 1953 Gibson ES-175

     E 'con queste premesse che ho scelto questi dieci vini per mostrare il mio 67 Pall Mall masterclass. Naturalmente, limitando la selezione per soli dieci bottiglie non è stato facile, ma ognuno di questi vini ha un significato profondo al mio percorso personale. In alcuni casi, le annate sono molto specifici, ma in altri casi abbiamo usato annate che erano disponibili in commercio a Londra.

L'abbazia di Hautvillers, dove  benedettino  monaco Dom P érignon vissuto e lavorato

2002 Dom Pérignon

     Dom Pérignon è il primo grande vino Ho un ricordo di. Quando ero un ragazzino, mio ​​padre, Giuseppe, avrebbe dato un caso di DP, nel caso in cui il legno originale, ai suoi migliori clienti. “E 'stato a buon mercato allora,” mi ha detto di recente. “Abbiamo anche comprato un po 'di Cristal”, ha aggiunto. Nella seconda metà degli anni 1970, i vini che stava gifting sarebbero state le annate iconiche alla fine del 1960 e primi anni 1970, qualcosa che è quasi impossibile da capire in questo giorno ed età. Papà è parte del post generazione della seconda guerra mondiale che ha lasciato l'Europa per la promessa di una vita migliore nel Nuovo Mondo. Armato con un quarto grado di istruzione e non molto altro, mio ​​padre ha lavorato una serie di posti di lavoro di basso livello. Nel corso degli anni, ha salvato abbastanza soldi per comprare una parte del mercato del pesce dove lavorava. Alla fine ha comprato il tutto ed è cresciuto in un business di import / export. Un imprenditore di successo due volte, mio ​​padre rimane il mio unico grande modello di ispirazione e di ruolo. Più tardi, come sono cresciuto, Dom Pérignon era sempre la Champagne miei genitori ha aperto per le occasioni speciali, il che significa una volta ogni anno o due. E 'stata una pazzia allora, e lo è oggi, troppo.

In questa notte, optiamo per un tempo relativamente recente uscita con qualche affinamento in bottiglia. Ricordo ancora la prima volta che ho assaggiato il 2002 Dom Pérignon. Era così esuberante, con la maturazione dello Chardonnay molto in evidenza. Questa bottiglia mi sorprende con la sua freschezza straordinaria, l'energia e la tensione. E 'semplicemente magnifico. Perché 67 Pall Mall aggiunto uno Champagne per l'accoglienza, abbiamo bevuto il 2002 Dom Pérignon alla fine della nostra serata, piuttosto che alla partenza, come originariamente previsto. Non importa, il 2002 è stato una degna conclusione per una grande notte di vino e la conversazione.


2006 Fèlsina Chianti Classico Riserva Rancia

     Una delle tante lezioni che ho imparato dai miei genitori era un apprezzamento per il ruolo di vino a tavola. Quasi ogni notte hanno portato a casa qualcosa per noi di gusto. Antinori, Fèlsina, Isole e Olena, Castello di Monsanto, Bruno Giacosa e Gaja sono stati alcuni dei produttori i cui vini che ho assaggiato al nostro bancone della cucina, di solito in coppia con la cucina superba di mio padre.

Volevo mostrare un vino ageworthy da collezione che non costa una fortuna e che i consumatori possono ancora comprare dal caso. Nel corso degli anni ho avuto l'opportunità di assaggiare ogni annata di Fèlsina di punta Chianti Classico Riserva Rancia. Quei degustazioni, insieme a numerosi altri retrospettive di alto Chianti Classico, tutti disponibili su Vinoso, mi ha portato a capire che il Chianti Classico è il top terroir in Toscana (al contrario di Montalcino o Maremma) per eccezionali, vini ageworthy di finezza. 

Mentre mi gusto attraverso tutte le bottiglie prima gli ospiti arrivano, sto semplicemente spazzato via dalla 2006 Rancia . Sì, mi aspetto che sia bene, anche grande, soprattutto nel 2006, una superba epoca toscano. Ma io non sono disposto veramente a vedere la Rancia 2006 tenere il passo con i 2010 Ridge e Kapcsándy o del 1982 e del 1993 Latour Rousseau Bèze. Eppure lo fa. Molto semplicemente, la Rancia 2006 è un estremamente bella e commovente del vino altissimo livello. Non posso pagare Giuseppe Mazzocolin una maggiore complimento. L'unico problema con il 2006 è che ha bisogno di altri cinque anni in bottiglia, almeno, di essere al suo meglio.

Con mia sorella, Tania, nella grande decennio degli anni 1980 ….

1982 Bartolo Mascarello Barolo

     Ho viaggiato in Piemonte nel 1997, con i miei genitori e la sorella. viaggi di famiglia erano una tradizione. Dopo aver visitato i parenti, i quattro di noi avrebbe preso una settimana di riposo da noi stessi. Io e mia sorella si sono alternati scegliendo le destinazioni. Raccolse le città d'arte e luoghi di cultura. Un anno abbiamo affittato un appartamento in Piazza Santa Croce, nel cuore di Firenze, e poi visitato tutti i siti principali della città con la nostra guida privata del tour. Ma mi piaceva mangiare e bere. Avevo letto un sacco su Piemonte e assaggiato i vini per anni. E 'stata una settimana favolosa. Ogni giorno abbiamo visitato una città diversa. Come al solito, mi è stata data la carta dei vini in ogni ristorante. Sono stato agganciato. Ho passato i successivi due anni, la preparazione per il mio prossimo viaggio. E 'successo nel 2000, subito dopo l'Italia ha perso il campionato di calcio Euro in Francia all'ultimo secondo. 
Bartolo Mascarello è il primo produttore ho incontrato e visitato con in Piemonte. La cosa divertente è che avevo originariamente destinato a visitare Mauro Mascarello, ma ho chiamato il numero sbagliato, e finì la piccola cantina iconico in via Roma, nel cuore del Barolo, invece. Abbiamo trascorso diverse ore in un piccolo ufficio di Bartolo Mascarello parlando di tutto dal vino alla politica. Per lo più politica. Anche se Mascarello si limitava a una sedia a rotelle, la sua immaginazione e l'energia ha limiti. Le ore passavano pigramente. Allora, tutta l'attenzione, sia da media e turisti, era incentrato sul produttori modernisti. Non ho mai visto altri visitatori in cantina, e si potevano comprare tanto vino quanto si voleva. Per dire le cose sono cambiate da allora è un eufemismo massiccia. Maria Teresa Mascarello ha assunto dopo la morte di suo padre e da allora ha spinto il domaine a livelli senza precedenti. Un visitatore fortunato oggi può avere la possibilità di acquistare una singola bottiglia, se un appuntamento è concesso a tutti.

Pochi mesi dopo quella visita, abbiamo trovato una bottiglia del
1982 Barolo in uno dei migliori ristoranti di Mantova. Ricordo ancora la degustazione che il vino, e quanto incredibilmente pura fosse. Ora, dopo tutti questi anni, il 1982 è molto più avanti nella sua vita. Anche così, la complessità e persistenza del vino sono le cose sono fatti i sogni.

Una foto di Bartolo e Maria Teresa Mascarello nello studio di Bartolo Mascarello, che ha più meno resti presso lo era quando ha riempito con la sua più grande di personalità la vita e la risata


1998 Bruno Giacosa Barolo Le Rocche del Falletto

     Sono stato molto fortunato ad essere introdotto per i vini di Bruno Giacosa, quando il Maestro era al suo picco e i vini sono stati in gran parte sconosciuto a tutti, ma gli amanti del vino italiani più irriducibili. Mio padre ha sempre avuto un lampo negli occhi quando ha portato una bottiglia di Giacosa Barolo o Barbaresco a casa per la cena. Mi ricordo di pagare $ 55 a bottiglia per il 1989 Santo Stefano Riserva al momento del rilascio. E 'stato il massimo che abbia mai speso per una bottiglia di vino per me stesso. Non sono rimasto deluso, lasciamo le cose come stanno. Quando ho iniziato a scrivere di vino in modo professionale, ho cominciato ad avere accesso a un sacco di grandi vini provenienti da tutto il mondo. Come scrittore e critico di vini, è facile accettare i molti inviti a degustazioni e cene che arrivano inevitabilmente, e di vivere fuori dalla generosità degli altri. Ma non ho mai voluto essere un parassita, quindi, anche se non ho potuto permettersi i vini miei amici piaceva bere, ho sempre portato il migliore che ho avuto. Spesso, erano Etichette Bruno Giacosa Rosso dal 1960, 1970 e 1980. E tu sai cosa? Questi vini non mi hanno deluso, anche in compagnia di parametri di riferimento stabiliti. Mi ricordo di una cena che abbinato del 1989 Haut-Brion con Giacosa 1989 Barbaresco Santo Stefano Riserva. Solo due di noi, e abbiamo bevuto due bottiglie, oltre a un sacco di altre cose, con grande gioia. Quello che una notte che era.

Il 1998 Bruno Giacosa Barolo Le Rocche del Falletto era una versione corrente nel 2003/2004, quando ho iniziato a mettere insieme Rapporto Piemonte , che rimane l'unica newsletter scritto mai concentrati solo sui vini del Piemonte. Sto ancora pagando i miei prestiti agli studenti del MIT, perché non ho potuto resistere 1998 Rocche a Marty di a Allston, quando era in vendita. O che, o Ian McFadden, ora al Crush Wine & Spirits, è un grande venditore. Ora, quindici anni dopo, il 1998 è nella sua precoce altopiano di maturità. Con aromatici accattivanti e la sua struttura di peso medio, il 1998 è sublime in questa notte. Un anno dopo, nel 2005, Bob Parker mi ha chiesto di unirsi a lui al The Wine Advocate . In un primo momento ho gentilmente rifiutato, perché volevo stare per conto mio, ma un anno dopo, con una giovane famiglia una parte centrale della mia vita, ho accettato.

immobiliare Falletto di Giacosa, Serralunga d'Alba 

2015 Tyler Chardonnay (Santa Barbara)

     Ho visitato Santa Barbara nel 2011. Dal momento in cui ho iniziato a camminare vigneti e degustare i vini, era chiaro per me Santa Barbara era un distintivo, regione di classe mondiale che meritava di essere riconosciuto per le sue caratteristiche uniche, invece di essere concentrati in quello che molte pubblicazioni si riferiscono come California di 'Central Coast.' Di Santa Barbara offre un certo numero di diversi microclimi e siti storici più importanti, insieme ad alcuni dei vigneti più vecchi Chardonnay e Pinot negli Stati Uniti, che ne fanno una delle regioni più interessanti in California e negli Stati Uniti. 

Avrei potuto mostrato alcun numero di bottiglie per rappresentare Santa Barbara in questa degustazione. Un vino da Au Bon Climat o Ojai sarebbe stato forse più evidente dato il ruolo di Jim Clendenen e Adam Tolmach giocato nel sostenere Santa Barbara nei primi giorni e la loro influenza su tanti di giovani generazioni di oggi. In ultima analisi, ho scelto il 2015 Tyler Chardonnay perché titolare Justin Willett è uno dei produttori che incarna tutte le qualità che rendono Santa Barbara così eccitante oggi. La Tyler 2015S sono assolutamente brillante su tutta la linea. Per questa degustazione, 67 Pall Mall di provenienza lo Chardonnay livello denominazione, in contrapposizione a una delle designa vigneto. Non importava molto. Il vino è assolutamente brillante, la sua qualità apprezzato da tutti a tavola. Mi piace anche che serve una bianca nel mezzo di una degustazione di dimostrare che i bianchi pregiati vini sono gravi e non semplicemente il preludio ai rossi 'importanti'.

Degustazione le 2015S dal barile a Tyler


2010 Kapcsándy Family Winery Cabernet Sauvignon Grand Vin

     Ho sempre adorato la vendemmia 2010 nella Napa Valley. Duemila dieci è significativo perché è una delle prime annate Napa ho recensito in The Wine Advocate e l'inizio di un'ossessione serio con il tentativo di capire  terroir in California, che, tra le altre cose, ha portato nel nostro progetto per mappare i vigneti di Napa Valle in una misura che non era mai stato fatto in precedenza. Dal momento in cui ho iniziato la degustazione dei 2010s, era ovvio i vini erano straordinari. Il tempo era insolitamente freddo e umido per la maggior parte della stagione di crescita. Forse per questo motivo, molti osservatori del tutto perso la qualità dei vini, tra cui una prestigiosa pubblicazione americana che ha conferito una valutazione bassa delle annate. Ricordo ancora il clamore sulla bacheca Parker quando abbiamo pubblicato recensioni per i 2010s. Come potrebbe un anno freddo produrre così tanti vini di alto punteggio, i lettori si chiedeva. Beh, a quanto pare, un picco di calore di fine stagione è apparso proprio al momento giusto per spingere il frutto a piena maturazione. I coltivatori che deleafed aggressivamente sono stati bruciati dal caldo, ma coloro che erano più prudenti nel campo reso veramente profonde, vini profondi. Le migliori 2010s combinano la struttura di un anno fresco con la maturazione e la frutta intensità di un'annata calda, una combinazione che è incredibilmente attraente. 

Ho avuto la fortuna di assaggiare di Kapcsándy 2010 Cabernet Sauvignon Grand Vin in molte occasioni, sia da bottiglia e magnum. Qui, a Londra, 5.300 miglia di distanza dalla Yountville, il vino è semplicemente straordinario. Poi di nuovo, Stato vicolo Vigna di Kapcsándy è ampiamente considerato uno dei migliori siti in Napa Valley. Di tutte le bottiglie sul tavolo, il Kapcsándy garners l'attenzione più estatica per la sua straordinaria bellezza e la sorpresa trasporta a un pubblico svezzati per lo più su vini europei. Molto semplicemente, il 2010 Gran Vin rimane un risultato imponente da Lou Kapcsándy, suo figlio Luigi, e il loro ritardo enologo, il super-talento Denis Malbec.  Tutto quello che posso dire è ... wow!

Stato vicolo Vigna di Kapcsándy come si vede nella Vinoso Mappa dei vigneti della Napa Valley: Yountville, da Antonio Galloni e Alessandro Masnaghetti 2016.


2010 Ridge Monte Bello

     Se gli Stati Uniti avevano una classificazione formale della proprietà simile a quella di Bordeaux, Ridge sarebbe una prima crescita. Ridge ha reso vini di classe mondiale dal 1960, anche se la storia della vigna originale va un po 'più in là di quello. Nel corso degli anni ho avuto l'opportunità di assaggiare molte annate di Monte Bello, tra cui la maggior parte, se non tutti, i punti di riferimento. Quei vini mi hanno insegnato non solo la grandezza di Ridge e Monte Bello come espresso da Paul Draper e ora il suo protetto Eric Baugher, ma anche sulle potenzialità delle montagne di Santa Cruz, che è, a mio avviso, una delle regioni più pedigree negli Stati Uniti. Mi ricordo di servire il 1974 Monte Bello, dalla mia cantina, cieco, a un gruppo di collezionisti francofili a pochi anni fa. Essi sono stati totalmente spazzati via, e nessuno di loro è venuto vicino a indovinare California o l'età del vino. 

Ho scelto il 2010 Monte Bello da abbinare con il Kapcsándy Grand Vin.  La presenza sano di Merlot con tocchi di Petit Verdot e Cabernet Franc completa il Cabernet Sauvignon in modo bello, mentre le note distintive di rovere americano aggiungere profondità ad un vino ricco, ben stratificato dotato di magnifico purezza e pedigree. Assaggiato accanto al Kapcsándy, Monte Bello è un po 'più palese e denso, ma altrettanto convincente. Io non sono sicuro che ci sono altri due vini che possono rendere eloquente un caso per le virtù della California. Molto semplicemente, i 2010 Monte Bello è uno storditore totale. Ancora meglio, rimane uno dei, da collezione, vini lettori longevo più convenienti troveranno in qualsiasi parte del mondo

Multimedia: Una conversazione con Paul Draper

1982 Latour

     Uno dei primi libri del vino i miei genitori mi ha dato è stato Vino Guida all'acquisto di Parker , che ho letto coprire a coprire fino a quando non ha iniziato a cadere a pezzi. Mai in un milione di anni potevo immaginare che avrei scritto i capitoli sui vini italiani nella scorsa edizione di questo libro pubblicato! Nel maggio del 2012, Bob ed io abbiamo passato un po 'di tempo nella Napa Valley degustazione dei 2002s all'età di dieci anni. E 'stato il nostro secondo anno facendo quelli lato degustazioni a fianco. Ho imparato molto da Bob nel corso degli anni abbiamo lavorato insieme. La vita di un critico è spesso molto solitaria. Molte notti lontano da casa e il servizio in camera dopo lunghe giornate di degustazione sono la norma. Io ne fanno un punto per evitare le cene grandi, feste e serate che sono in pieno svolgimento durante tutto l'anno. Ma la cosa più importante che ho imparato da Bob è che la critica vino deve servire il consumatore prima di tutto, non importa quali potrebbero essere le conseguenze di pubblicare una recensione negativa. “Voglio che pensi a quali regioni si può rinunciare perché voglio di coprire Bordeaux quando andrò in pensione,” Bob mi ha detto nel nostro secondo giorno di degustazione. Da quel momento in poi ho saputo Bordeaux avrebbe giocato un ruolo centrale nella mia vita. Nello stesso anno Bob e io ospitato un pranzo di beneficenza epico al ristorante Daniel a beneficio della Fondazione SEALs marina con 1982 Bordeaux all'età di trent'anni. Ho voluto onorare il ruolo di Bob nella mia vita con uno dei vini veramente epiche dal 1982, l'annata con la quale Bob ha fatto la sua reputazione.    

Degustazione del 1982 Latour riporta i ricordi di quel pomeriggio davvero commovente al ristorante Daniel. Una spettacolare, ricca Pauillac, il Latour cattura tutto il meglio l'anno ha avuto, ed ha ancora, può offrire. Ancora abbastanza fresco e denso, con apparentemente infiniti strati di frutta, del 1982 è buono come si arriva. Si tratta di una bottiglia stellare di uno dei veri grandi vini del mondo.

Con Bob Parker, Daniel Boulud, Chef de Cuisine Eddy Leroux e l'intero team di cucina presso il ristorante Daniel, New York, ottobre 2012


1993 Rousseau Chambertin-Clos de B Èze

     Ho sempre adorato del 1993 Red Borgogna. Sì, i vini erano dolorosamente austero e inflessibile nei primi anni andando. Anche così, in molti casi, i vini sembrava anche avere la concentrazione di frutta formidabile. Questo è certamente il caso di Rousseau Chambertin-Clos de Bèze. Sono sicuro che il personale al 67 'fuori di testa quando hanno visto questo vino sulla mia lista: 1993 Bèze è quasi impossibile da trovare. Fino a 11 ore, sembrava che potremmo avere a trovare un sostituto, fino a quando una fonte è emerso all'ultimo minuto. Il giorno prima, ero a pranzo con alcuni compagni (scuse per l'anglicismo, Neal sta cominciando ad influenzare me) a The Ledbury. “Sai del 1993 bottiglie Rousseau Bèze nel tuo domani degustazione," Jon mi hanno rimproverato. ‘Loro sono dalla mia cantina! Li ho comprati sul rilascio.’

Ebbene, il 1993 Chambertin-Clos de B Èze è davvero sublime. Il vino più affascinante e seducente della serata, il Bèze sembra rispondere alle domande con altre domande come ci attira con la sua bellezza mozzafiato. Questo è ciò che grande, profonda Borgogna è tutto. Che altro resta da dire in una notte in cui così tanti vini veramente epiche sono aperti fianco a fianco? Non tanto. Vorrei aggiungere che la saggezza convenzionale impone che la presumibilmente più elegante Borgogna essere gustato prima del più grande di Bordeaux, a causa, come quella linea di pensiero va, i vini più grandi dovrebbero sopraffare vini più eleganti. Credo che sia tutto un mucchio di sciocchezze, e così ho volutamente servito il Rousseau dopo il Latour. Per fortuna, che la decisione è più che confermata da come i vini mostrano.

Il Rousseau Cantina, Gevrey-Chambertin

1990 Trimbach Riesling Clos Ste. Hune

     Purtroppo, il vino bianco è così spesso relegato al ruolo di opening act. Volevo finire con un grande bianco fermo con l'età bottiglia. Avrebbe potuto essere Borgogna bianco o Riesling tedesco, ma alla fine sono andato con una vendemmia precedente di Clos Ste. Hune, un vino ho completamente adoro. Ho avuto la fortuna di assaggiare Clos Ste. Hune di nuovo a metà del 1960 e semplicemente amano il modo in cui le età.

Il 1990 Clos Ste. Hune è nel profondo del colore e l'intensità complessiva, con tonnellate di ricchezza strutturale e concentrazione pura. Un mélange esotica del miele, camomilla, mango, nocciola, fiori di campo e buccia d'arancia candita si apre senza sforzo nel bicchiere. Anche con tutta la sua opulenza e la ricchezza, 1990 conserva freschezza incredibile così come l'energia. In questa notte è semplicemente magico, e un ottimo modo per concludere una serata davvero indimenticabile.

Vorrei ringraziare tutto il personale al 67 Pall Mall, fondatore e CEO di Grant Ashton, e Sommelier Terry Kandylis per aiutare a curare una notte favolosa di vino e discussione.


Menzioni d'onore …

Naturalmente, ci sono molti altri vini che hanno fatto una profonda impressione
su di me nel corso degli anni.
Questi sono alcuni di loro.

1986 Léoville Las Cases

     Quando mi hanno accettato di Sloan School of Management del MIT - con un track record accademico che ha incluso sicuramente il punteggio GMAT più basso di sempre per uno studente ammesso e una laurea al Berklee College of Music, senza corsi di matematica o economia a tutti - non riuscivo a credere alla mia fortuna. Vivevo a Milano, al momento, così ho prontamente corse giù per Peck e raccolto alcuni filetto di manzo incontaminate. Ho fatto bistecca al pepe da una ricetta classica James Beard per i miei amici milanesi e abbiamo abbattuto due bottiglie del 1986 Léoville Las Cases, un vino che io ho sempre adorato. E 'stata una serata tremenda ...

1976 Beaulieu Vineyard Cabernet Sauvignon Georges de Latour Private Reserve

    Ho avuto la fortuna di avere molti mentori importanti per tutta la mia vita. Devo prima parte della mia carriera nella finanza a diversi dirigenti di livello senior presso Putnam Investments, che ha creduto in me quando ho praticamente avuto pochissima esperienza. Nessuno ha giocato un ruolo maggiore nel mio sviluppo precoce di Vinnie Esposito, che era dietro di me ottenere un incarico di prugne expat all'età di 30 anni in una ditta che aveva solo una dozzina di espatriati, tutti a livello di Amministratore Delegato o superiore. Vinnie anche mi ha dato un numero di vini splendidi dalla sua cantina a bere, tra cui favolosi annate di Pichon Comtesse e molti altri. Ma è stato il 1976 Georges de Latour Private Reserve che tutto ha saltato assente. E 'stato il primo vero epico Napa Valley Cabernet ho mai assaggiato, e ha lasciato una profonda impressione che rimane con me a questo giorno.

2009 Borgo del Tiglio Ronco della Chiesa

    Io non lo dimenticherò mai. Ho volato in Italia dopo due settimane di degustazione i bianchi a Chablis e la Côte de Beaune per The Wine Advocate . Nome della proprietà e il vino ... ho assaggiato. Tutti i grandi. La prima notte in Italia, abbiamo ordinato vecchia vite del Borgo del Tiglio Friulano Ronco della Chiesa. E 'un vino che conosco bene. Eppure, nulla avrebbe potuto mi ha preparato per quello che ho assaggiato. Dopo che tutti i grandi vini di Raveneau, Dauvissat, Leflaive, Roulot, Comtes Lafon e tanti altri, il Ronco della Chiesa era assolutamente magnifica. Era come solo buono, e in alcuni casi migliore, rispetto a molti dei vini che aveva appena assaggiato in Borgogna. Quello era il momento in cui ho capito il vero potenziale qualità dei bianchi friulani.


Anselme Selosse rilascerà una cospicua champagne à la volée

Jacques Selosse Contraste

    Marzia mi ha fatto conoscere i Champagne di Anselme Selosse su uno dei nostri primi appuntamenti. Mentre i Champagne Selosse sono praticamente impossibili da reperire ovunque, sono più facili da trovare in Italia. Pepi Mongiardino è stato uno dei primi importatori di credere nei giovani Anselme Selosse e le sue opinioni, che sono stati considerati abbastanza radicale nei primi giorni. A causa del suo sostegno di lunga data, Mongiardino riceve ancora un enorme stanziamento dei vini. Contraste (oggi La Côte Faron), 100% Pinot Noir dalla Sì, rimane uno dei miei preferiti Selosse champagne ed è anche l'archetipo per il lieu-dit serie che ha seguito qualche anno dopo. Mi sarebbe piaciuto includere una Selosse Champagne in degustazione 67 Pall Mall, ma due champagne su dieci vini, con tanta strada da fare, sembrava un po 'eccessivo, anche per me!